CONCLUSO IL PRIMO ROUND DEL PROGETTO ERASMUS JETVET “COMPETENZE PER UN’ AERONAUTICA D’ ECCELLENZA”

Il video del progetto al link: https://youtu.be/UexoAt4Bpo4

 

“Back home”: sono ritormati in Italia dopo 3 settimane di tirocinio all’ estero, i 30 ragazzi di Costruzioni Aeronautiche, partecipanti al Progetto Erasmus Jetvet “Competenze per un Aeronautica d’ Eccellenza”. L’ iniziativa dell’ Istituto Tecnico Tecnologico “L. Da Vinci” di Viterbo diretto dal Dirigente Scolastico Prof. Luca Damiani, e coordinata dal prof. Ranieri Geronzi, è realizzata coinvolgendo anche gli studenti di altre 5 scuole della Rete Nazionale degli Istituti di Costruzioni Aeronautiche, di cui la scuola Viterbese è istituto capofila.  La società UNISER di Forlì ha curato la stesura del progetto che prevede un finanziamento di circa 200.000 € a copertura di tutte le spese sostenute dai partecipanti.

L’ attività s’inquadra nella  volontà di fare esperienze di tirocinio all’ esterno in aziende aeronautiche operanti nel campo della manutenzione, costruzione e montaggio di aeromobili. Il gruppo di studenti è partito all’inizio di giugno per le tre destinazioni previste in questo Round 1, con 10 studenti che hanno operato in Lituania a Vilnius presso la Baltic Maintenance ed Elsa Techniks, e presso la DAT LT  di Kaunas, altri 10 studenti sono stati ospitati in Polonia dalla SZD Jeżów di Jelenia Gora, e sempre un gruppo di 10, in Spagna presso l’ azienda Aciturri di Valladolid. Tutte le aziende, come detto operavano nel campo aeronautico, sia nella manutenzione di aeromobili e alianti, ed anche nella costruzione di componenti strutturali per aerei commerciali Airbus A350. Altro elemento fondamentale dell’ esperienza è l’ approfondimento dell’ uso della lingua inglese in contesti internazionali, considerando che tutti i ragazzi avevano in precedenza conseguito minimo la certificazione linguistica B1.

Il progetto come detto si è svolto per tre intense settimane con attività teorico pratico in azienda, ma non sono mancate anche visite culturali e momenti di divetimento. L’ organizzazione del progetto era non solo orientata alla formazione tecnica, ma prevedeva anche uno sviluppo delle competenze relazionali e trasversali, proprio in linea con le recenti modifiche dei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro ridenominati Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’ Orientamento introdotte dal MIUR. Infatti, il progetto contemplava anche una sorta di autogestione della giornata con acquisto e preparazione dei pasti, sistemazione camera, lavaggio e stiratura biancheria, ecc.

Molto entusiamo ma anche qualche piccolo incoveniente nei vari gruppi, prontamente risolto, e alla fine tutti i ragazzi hanno espresso un giudizio estremamente positivo sull’ esperienza. La prossima partenza è prevista a settembre con il secondo gruppo e poi l’ ultimo gruppo a giugno 2020. A tal proposito si riporta un commento rappresentativo di uno degli  studenti partecipanti:

Questo tirocinio è stato importante per me sotto molti aspetti ma ne cito due per me significativi: l’ aspetto personale e lavorativo. Personale perché non è stato semplice autogestirci a 18 anni con i soldi che avevamo in tasca e perché nessuno di noi aveva mai svolto quei monotoni lavori di casa tipo lavare il bucato, cucinare per poi lavare tutto; a volte è stato anche veramente stressante. Lavorativo perché “ci siamo” e per lo meno mi sono sentito un dipendente vero e proprio, assumermi le mie responsabilità è stato all’inizio un po’ spaventoso ma piano piano che il tempo passava (e non me ne accorgevo neanche) l’assumermi delle responsabilità è stato una preparazione per il mondo (sempre lavorativo) che dovrò affrontare non appena finita la scuola. È stata un’ esperienza bellissima ma allo stesso tempo molto dura, vivere con altre 10 persone e non conoscendo i loro caratteri mi ha portato a battibeccare con alcuni ma poi una stretta di mano, si mette una pietra sopra e si tira avanti. In questi giorni ho sentito molto la mancanza della mia famiglia, ma credo che faccia bene stare lontani perché forse solo così capiamo quanto è bello avere il calore e l’affetto della propria famiglia; molte sono state le lacrime che hanno toccato terra,  per poi essere asciugate sul mio viso per poi alzare la testa per continuare con ottimismo questo cammino verso la crescita, personale ma anche culturale. Tante sono state anche le amicizie che abbiamo stretto con i ragazzi ma sopratutto con le RAGAZZE polacche. Anche parlare l’inglese non è stato affatto facile, ma dopo 24 giorni diventa più semplice.È stata una crescita che non sia compra con il denaro ma che si conquista con il coraggio e con l’essere intraprendenti. Grazie di tutto.”

 

Mattia CATTANEO di NOVARA vince la GARA NAZIONALE DI COSTRUZIONI AERONAUTICHE

Aeronautici in gara al Malignani di Udine             videoclip: https://youtu.be/7yAdZ_ejpAQ

Quest’anno si è disputata a Udine la Gara Nazionale di Trasporti e Logistica – Costruzione del mezzo aereo – Costruzioni Aeronautiche. L’11 e il 12 aprile 2019 l’I.S.I.S. Arturo Malignani è stato il palcoscenico per diciotto giovani provenienti da tutta l’Italia, in rappresentanza degli Istituti Tecnici dove frequentano la quarta di indirizzo. Accompagnati dai loro docenti e dai dirigenti scolastici, sono rimasti in full immersion in aula, nell’ hangar del Malignani, all’aeroporto Francesco Baracca del 5° Rgt Elicotteristico RIGEL, alla scoperta degli elicotteri AW 129 D MANGUSTA, e a Rivolto, ospiti delle Frecce Tricolori, accolti dal comandante del 2° stormo Col. Andrea Amadori in un tripudio di velivoli e auto sposrtive della Fai Sport.

Nei due giorni di gara i ragazzi si sono cimentati prima nello studio, nella rappresentazione tramite CAD 3D e nella stesura del ciclo di fabbricazione degli agganci di un motore Boeing B.747 Jumbo Power. La seconda prova li ha visti rispondere a venti domande su tutte le discipline di studio e realizzare un giunto chiodato per aeromobili con quattro tipi diversi di rivetti. La Commissione USR ha chiuso i lavori mercoledì 17 deceretando la seguente graduatoria:

PRIMO CLASSIFICATO ITT “G. Fauser” NOVARA – CATTANEO Mattia

SECONDO CLASSIFICATO ITST “E.Fermi” – FRANCAVILLA – FONTANA – MARTI Antonio

TERZI CLASSIFICATI IIS “F. Baracca” – FORLI’ SIMONI Vittorio
ITIS “D. Scano” – CAGLIARI FAGGIOLI Christian
ISIS “Andrea Ponti”- GALLARATE BELLOTTI Matteo

QUARTI CLASSIFICATI
ITT “L. Da Vinci” – VITERBO BLANCO Simone
IIS “De Pinedo Colonna” – ROMA MIANO Michelangelo
ITT “G. De Falco” – CAPUA CECERE Manuel
ITIS “A. Volta” – ALESSANDRIA D’APONTE Alessio
ISIS “A. Volta” – AVERSA SORRENTINO Emmanuel
ITIS “MOVM D.G. Morosini”-FERENTINO MASTROGIACOMO Riccardo

FUORI CONCORSO

ISIS A.MALIGNANI – UDINE TRAMONTIN Riccardo
ISIS A.MALIGNANI – UDINE TONDON Federico
ISIS A.MALIGNANI – UDINE URBAN Mark Angelo

ha vinto uno , ma tutti sono già campioni del loro futuro perché hanno un sogno da perseguire. Vogliono volare, far volare, costruire macchine per volare. Qualcuno immagina per se la NASA, qualcun altro sa già che studierà Ingegneria Aerospaziale a Torino, qualcun altro è determinato a lavorare con la Virgin Galactic. Il prof. Mauro Fasano, direttore della sezione di Aeronautica del Malignani, ha commentato: «Ho visto ragazzi presi dalla prova, determinati e anche molto bravi e competenti. Non è vero che i giovani non hanno passioni o non sanno impegnarsi … direi piuttosto che debbono trovare adulti che li sappiano motivare e sfidare a fare meglio.»

Contemporaneamente alla gara i docenti accompagnatori e i dirigenti presenti si sono riuniti per affrontare alcuni temi quali il nuovo profilo del Costruttore Aeronautico. Si è discusso dell’importanza dello Human Factor, e cioè di quelle competenze trasversali che sono necessarie in settori ad alta complessità: la capacità di lavorare in gruppo, di riconoscere la leadership, di ammettere i propri errori, di saper comunicare con efficacia. Il gruppo di lavoro ha considerato strategica la necessità di espandere i progetti ERASMUS per effettuare stage lavorativi in aziende aeronautiche europee e l’attivazione di iniziative sinergiche tra le scuole della Rete come la certificazione LMA che, partita proprio dal Malignani, vede già quattro scuole impegnate nella sua realizzazione.

Lorenzo Dal Pont, vincitore della Gara Nazionale, edizione 2018, ha detto: «Vincere è un confronto con se stessi prima che con gli altri ragazzi. Se dovessi dare un suggerimento ai partecipanti direi di mantenere una mente elastica e usare tutte le proprie conoscenze per trovare la soluzione. Meccanica, aeronautica e elettrotecnica sono materie fondamentali, ma una base solida di matematica è assolutamente necessaria. Ieri ho fatto il test di ammissione per Torino, Ingegneria Aerospaziale e spero di cominciare da lì.»

Tra i commenti raccolti a caldo all’uscita dalla prima prova, trapela una velata soddisfazione che non è circoscritta all’esito del test, ma si espande alla coscienza di aver fatto un’esperienza di vita. Forse è proprio da qui che si può cominciare a valutare il Fattore Umano di questi professionisti di domani.

Mattia Cattaneo, Novara

«Oggi ho imparato che l’apparenza inganna. All’inizio la prova mi sembrava impossibile, ma poi ho capito che ragionando potevo arrivare alla soluzione.»

Christian Faggioli, Cagliari

«Ho apprezzato molto il Malignani e l’esperienza è stata fantastica perché ho potuto scambiare idee con ragazzi della mia età che hanno voglia di fare.»

Matteo Bellotti, Gallarate

«È stato interessante incontrare altri ragazzi e capire i livelli di preparazione dei ragazzi di scuole differenti.»

Federico Tondon, Udine

«Questa gara è una bella opportunità, anche perché è fantastico condividere la passione per l’aeronautica.»

Antonio Marti, Francavilla Fontana

«È stata un’occasione poterci confrontare, non come rivalità ma come scambio.»

PRIMO CLASSIFICATO ITT “G. Fauser” NOVARA Mattia Cattaneo, con il Prof. Vito L’Aurora

SECONDO CLASSIFICATO ITST “E.Fermi” – FRANCAVILLA – FONTANA – MARTI Antonio con i proff. Giovanni Fina e Mario Palmisano Romano

 

GISPA 2019 – Gara Internazionale Scuole Progettazione Aeronautica

Il GISPA, (http://www.gispa.education/) ovvero Gara Internazionale Scuole Progettazione Aeronautica, è una competizione ideata dal Dipartimento Aeronautico dell’Istituto di Istruzione Superiore Andrea Ponti (scuola secondaria di secondo grado) di Gallarate, in provincia di Varese (Italia).

La gara richiede la progettazione di un modello di aliante ed è suddivisa in tre classi: Gold class che contempla alianti realizzati interamente con la stampa 3D, con lancio mediante slitta-catapulta; Silver class nella quale l’aliante può essere realizzato con qualsiasi tecnologia costruttiva ed il lancio avviene sempre con slitta-catapulta; Bronze class nella quale l’aliante può essere realizzato con qualsiasi tecnologia costruttiva ma il lancio viene effettuato a mano. I dettagli delle classi di gara sono descritti nel regolamento disponibile in download.

Risulterà vincitore l’aliante che dimostrerà di avere l’efficienza maggiore, calcolata in base ai risultati della gara che si svolgerà secondo regolamento disponibile in download.

Sono invitate a partecipare tutte le scuole superiori della Comunità Europea ed extra-europee.

La gara si svolgerà in data 10/10/2019 al museo aeronautico VOLANDIA, limitrofo all’aeroporto intercontinentale di Malpensa, in Italia.

A VITERBO LA RETE DEGLI ISTITUTI DI COSTRUZIONI AERONAUTICHE E GLI STUDENTI DEL DA VINCI INCONTRANO IL MINISTRO DELLA DIFESA ELISABETTA TRENTA

Oltre 50 studenti del corso di Costruzioni Aeronautiche hanno partecipato all’ incontro con il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta. A Viterbo, presso il vasto hangar Tucano dell’ Aviazione dell’ Esercito 600 studenti provenienti dalle scuole della provincia di Viterbo hanno potuto interloquire con il Ministro Trenta, sui principali temi riguardanti la politica migratoria e il ruolo delle forze armate, tutti argomenti legati ai temi della Costituzione e legalità.

Come detto la scena è stata tutta per gli studenti di Aeronautica dell’ ITT Da Vinci, accompagnati dal Dirigente Scolastico Prof. Luca Damiani, dalla Vicaria Prof.ssa Vera Brodo, e dai docenti Ranieri Geronzi e Roberto Desideri, presenti anche i nostri amici dell’ ANAE Sezione Muscarà Lucio Dossi e Guglielmo Zanon. Numerosi sono stati gli interventi dei nostri ragazzi, con Francesca Mancinelli, Enrico Morucci, Taddeo Pacelli, Yuri Cennerazzo, Alex Casciani. I temi trattati riguardavano il ruolo della donna all’ interno delle Forze Armate, la possibilità degli studenti di Costruzioni Aeronautiche di avere dei punteggi aggiuntivi nei concorsi in aeronautica, la possibilità di una sinergia nella formazione del personale militare tra MIUR e Ministero della Difesa, il tema dell’ immigrazione e l’ esercito europeo. Il ministro ha risposto sempre in maniera precisa ed esaustiva, dimostrandosi persona molto aperta e disponibile al confronto, e apprezzando i temi trattati dagli studenti.

Al termine dell’ incontro il Dirigente Scolastico Prof. Luca Damiani, e il Prof Ranieri Geronzi, in qualità rispettivamente di Presidente e Coordinatore della Rete Nazionale degli Istituti di Costruzioni Aeronautiche, hanno potuto consegnare personalmente al Ministro una nota contenente la richiesta per facilitare la collaborazione tra Istituti Aeronautici e Forze Armate; il contenuto del documento riguardava la cessione a titolo gratuito di attrezzature, apparati e mezzi dismessi  e favorire lo svolgimento di attività di Alternanza Scuola Lavoro sempre a titolo gratuito, e non con controprestazione in beni o servizi come previsto nell’ attuale legislazione.  Il ministro Trenta ha apprezzato il contenuto della nota, e si è detto disponibile ad analizzarla e a rispondere in tempi brevi. Il video clip completo della manifestazione è disponibile al link  https://www.youtube.com/watch?v=Lj9OCwoGhQI , mentre il video clip della consegna della nota al link https://youtu.be/YreDpbTTa_c  .

“Progetto Velivoli: “Dimensionamento preliminare di un velivolo tramite stima dei pesi e delle caratteristiche aerodinamiche” – Ing. Leonardo Poleggi

Si è concluso questa settimana, presso l’ Istituto Tecnico L. Da Vinci di Viterbo, il workshop dell’ Ingegnere Aerospaziale Poleggi Leonardo recentemente laureatosi alla Sapienza, sul tema “Progetto Velivoli: “Dimensionamento preliminare di un velivolo tramite stima dei pesi e delle caratteristiche aerodinamiche”. Nelle due giornate l’ Ing. Poleggi ha coinvolto gli studenti  e le studentesse della 5^A Costruzioni Aeronautiche, coadiuvati dai docenti Geronzi Ranieri e Desideri Roberto nella progettazione di massima di due velivoli da trasporto commerciale rispettivamente di medio e lungo raggio. Nelle due giornate sono stati analizzati, in relazione al  “Profilo di Missione”, le questioni riguardanti il payload, il range e l’ endurance, la cruise speed, la scelta della corretta runway, take off/landing, load factor, regolamentazioni FAR/JAR, il concetto di Configurazione, il tutto facendo riferimento a che cosa oggi offre il mercato dei velivoli commerciali. Un assaggio di università per i diplomandi di quest’anno, che hanno potuto applicare con successo le nozioni apprese presso l’ indirizzo di Costruzioni Aeronautiche. L’ Ing. Poleggi, diplomatosi con successo presso ITT da Vinci in Costruzioni Aeronautiche nel “lontano” 2013, si è reso disponibile  per questa attività che fa parte di una serie di incontri  di approfondimento in campo aeronautico finalizzate alla validazione della didattica curricolare nonché all’ applicazione di percorsi di Alternanza Scuola Lavoro. L’ incontro è stato anche utile per i docenti intervenuti che hanno potuto aggiornarsi e verificare la corretta impostazione data al corso in termini di competenze, abilità e conoscenze. Si ritiene infatti che la formazione dello studente, oltre che nei banchi e laboratori della scuola, si perfezioni anche aprendosi sia al mondo del lavoro, che con incontri mirati con professionisti, imprenditori esperti del settore. L’ attività si è svolto all’ interno del Laboratorio di Aerotecnica, con gruppi di sei o sette studenti attorno ad un tavolo dove ognuno partecipa e mette a disposizione degli altri le proprie idee e conoscenze, e dove alla fine tutti hanno raggiunto e condiviso la migliore soluzione; una moderna metodologia di problem-solving, molto usate nei paesi anglosassoni, poco applicate nel nostro paese, restio all’ innovazione e sperimentazione; un nuovo modo di fare scuola che si integra con il tradizionale sistema cattedra-banco, con didattica monodirezionale, rispetto ad una didattica multi direzionale e meno stancante.

 

50° anniversario De Pinedo “La formazione e le competenze nella scuola secondaria di secondo grado per il settore dei trasporti aerei e della logistica”

Venerdì 25 gennaio 2019 il nostro Istituto, in occasione dei festeggiamenti per il 50° anniversario della sua fondazione, ha organizzato un convegno nazionale sul tema della formazione dei futuri operatori del settore aeronautico e logistico a cui parteciperanno i massimi rappresentati delle aziende e degli enti del settore insieme a rappresentanti del modo politico e istituzionale. Tema del convegno

 

Kickoff meeting: Erasmus+ “JETVET: Competenze per un’ Aeronautica d’ eccellenza”

Si è svolto presso la sede UNISER di Bologna la riunione di avvio del progetto Erasmus+ “JETVET: Competenze per un’ Aeronautica d’ eccellenza”. Al progetto  partecipano:

  • ITT “L. da Vinci”    Coordinatore Prof. Ranieri Geronzi
  • UNISER    Rapporti coi partner esteri (affiliato a IMove rete europea di Mobility                                                                 provider

Scuole aderenti:

  • ITIS “A. Volta”                 Alessandria: ref. progetto Prof. Leonardo Ferrazzi
  • ITI “G. Fauser”                 Novara:ref. progetto Prof.ssa Mariangela Fortunato
  • ITIS “Don Morosini”          Ferentino (FR): ref. progetto Prof. Fabio Scaccia
  • ITT “L. da Vinci”               Viterbo : ref. progetto Prof. Ranieri Geronzi
  • ISIS “A. Malignani”           Udine: ref. progetto Prof. Mauro Fasano
  • ITIS “D. Scano”                Cagliari: ref. progetto Prof. Massimo Dessi

Partners esteri Enti di accoglienza:

  • EU Trade – Lituania (Vilnius e Kanluas)
  • INCOMA – Spagna (Siviglia e Valladolid)
  • MODE – Polonia
  • Newcastle College – UK (Newcastle

Il progetto consentirà a  90 studenti del 4° anno, di svolgere tirocini di tre settimane, in aziende aeronautiche Europee, da inserire nei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro. Prima partenza prevista Giugno 2019. I costi sono interamente a carico del progetto. Le competenze attese e sviluppate nel progetto saranno:

1. Conoscere il funzionamento del mezzo di trasporto aereo, ed essere in grado di intervenire nelle fasi di progettazione, costruzione e manutenzione di semplici componenti e sistemi.

2. Riconoscere i mezzi, le attrezzature e gli impianti relativi al carico e allo scarico di merci e passeggeri, integrando conoscenze ed esperienze anche sulla loro conduzione e manutenzione.

3. Utilizzare i principi essenziali della manutenzione delle varie parti del mezzo aereo nel rispetto delle normative di sicurezza e nella consapevolezza dei principi base del sistema qualità.

#LaMiaScuolaAccogliente : 23 novembre l’ITIS “A. Volta” di Alessandria

Il Bando PON #lamiascuolaaccogliente, emesso a fine 2015, ha visto nei primi posti, tra gli istituti vincitori (a punteggio pieno), l’ITIS “A. Volta” di Alessandria.

Il concorso era diretto alla valorizzazione e al recupero di spazi comuni presenti nelle istituzioni scolastiche per la realizzazione di “cantieri” e laboratori permanenti di creatività intesi come ambienti vivi di partecipazione, di incontro e di apertura della scuola al territorio per favorire l’integrazione, il senso di responsabilità e di cura dei beni comuni.

Lo scorso 23 novembre l’ITIS “A. Volta” di Alessandria ha presentato la realizzazione del progetto, curato da un team formato dagli insegnanti di Disegno, coordinati dai Proff. Nicoletta Martini e Roberto Mirone. Nel corso di quasi un anno di intenso lavoro sono stati coinvolti anche un gruppo di volenterosi studenti e alcuni sponsor e partner locali: Comune di Alessandria, Provincia di Alessandria, “Il Piccolo” (giornale locale), Confederazione Italiana Agricoltori, Centrale del Latte di Alessandria e Asti, U.S. Alessandria Calcio.

L’edificio che ospita l’ITIS “A. Volta”, inaugurato a fine 1967 dal Presidente della Repubblica On.le Saragat, è un pregevole edificio progettato dall’Arch. Ignazio Gardella, uno dei massimi esponenti dell’architettura razionalista italiana. Con tale peculiarità il progetto doveva integrarsi nell’architettura esistente senza stravolgerne le linee essenziali che lo caratterizzano; per meglio proseguire su tale percorso è stato interpellato, a lavori avanzati, il figlio dell’Arch. Gardella, lui stesso architetto che prosegue l’attività del padre, per avere un parere sulla linea seguita.

Il progetto si è articolato in 3 punti principali:

  • Valorizzazione dell’esterno, lato strada, con illuminazione notturna in grado di mettere in rilevo con luci e ombre l’architettura dell’edificio il velivolo presente nel giardino (recentemente restaurato).
  • Valorizzazione dell’atrio con:
    • Realizzazione di pannelli illustrativi che presentano il lavoro dell’Arch. Gardella nella città di Alessandria,
    • Realizzazione di pannelli illustrativi dell’offerta formativa dell’istituto e dei principi di inclusione con funzione di brochure permanente,
    • Realizzazione di pannelli relativi ai diritti umani (ONU-Costituzione-Carta di Nizza) che affiancano la targa posta al momento dell’inaugurazione,
    • Realizzazione di una serie di pannelli specifici in prossimità dell’ingresso della palestra.

I pannelli, con la loro installazione, vanno a creare giochi di ombre che si contrappongono ad un pannello dipinto che richiama una lavagna d’ardesia per indicare l’essenzialità della scuola.

  • Installazione di un televisore di grande dimensioni per la diffusione di messaggi di servizio e di programmi culturali.
  • Realizzazione di un’area ristoro (intervento ancora da completare).

Alla presentazione del progetto hanno partecipato le autorità locali, i dirigenti provinciali e regionali del MIUR, rappresentanze delle realtà produttive del territorio e il figlio dell’Arch. Gardella.

Nel pomeriggio, presso l’ITIS “A. Volta”, si è svolto un convegno, inserito nelle celebrazioni previste per gli 850 anni della città, che traccia lo sviluppo dell’architettura razionalista in Italia e l’attività degli architetti Gardella ad Alessandria ed il loro rapporto coi committenti locali.

 

 

 

 

1 2